Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Rimegepant, un antagonista orale del recettore del peptide correlato al gene della calcitonina, per il trattamento dell'emicrania


Il recettore del peptide correlato al gene della calcitonina ( CGRP ) è stato implicato nella patogenesi dell'emicrania.
Rimegepant è un antagonista del recettore del peptide correlato al gene della calcitonina, somministrato per via orale, che può essere efficace nel trattamento dell'emicrania acuta.

In uno studio multicentrico, in doppio cieco, di fase 3, sono stati assegnati in modo casuale adulti con almeno 1 anno di storia di emicrania e da 2 a 8 attacchi di emicrania di intensità moderata o grave al mese a ricevere Rimegepant per via orale alla dose di 75 mg oppure placebo per il trattamento di un singolo attacco di emicrania.

Gli endpoint primari erano la libertà dal dolore e la libertà dal sintomo più fastidioso, diverso dal dolore, identificato dal paziente, entrambi valutati 2 ore dopo la somministrazione della dose di Rimegepant o placebo.

In totale 1.186 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Rimegepant ( n=594 ) o placebo ( n=592 ); di questi, 537 pazienti nel gruppo Rimegepant e 535 pazienti nel gruppo placebo sono stati valutati per l'efficacia.
L'età media complessiva dei pazienti valutati per l'efficacia era di 40.6 anni e l'88.7% era rappresentato da donne.

In una analisi modificata per intention-to-treat, la percentuale di pazienti liberi dal dolore 2 ore dopo aver ricevuto la dose era del 19.6% nel gruppo Rimegepant e del 12.0% nel gruppo placebo ( differenza assoluta, 7.6 punti percentuali; P minore di 0.001 ).

La percentuale di pazienti che erano liberi dal sintomo più fastidioso 2 ore dopo la dose era del 37.6% nel gruppo Rimegepant e del 25.2% nel gruppo placebo ( differenza assoluta, 12.4 punti percentuali; P minore di 0.001 ).

Il trattamento di un attacco di emicrania con l’antagonista del recettore CGRP, orale, Rimegepant ha comportato una percentuale più elevata di pazienti che erano liberi da dolore e liberi dal loro sintomo più fastidioso rispetto al placebo. ( Xagena2019 )

Lipton RB et al, N Engl J Med 2019; 381: 142-149

Neuro2019 Farma2019



Indietro