Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Il trattamento chirurgico nei pazienti con emicrania refrattaria e con punti di contatto intranasali


La cefalea da punto di contatto è stata attribuita al contatto intranasale tra le opposte superfici mucosali, che dà origine a dolore nella zona di innervazione del trigemino.

Nei soggetti con cefalea primaria, i punti di contatto possono essere correlati con la refrattarietà al trattamento.

Ricercatori del Mount Sinai Medical Center di New York hanno valutato i benefici della correzione chirurgica nei pazienti con emicrania refrattaria o emicrania trasformata, con evidenze radiografiche di punti di contatto nell’area seno-nasale.

Sono state riviste le cartelle cliniche di pazienti sottoposti a chirurgia endoscopica sinusale e a settoplastica ( plastica del setto nasale ) per il punto di contatto, tra ottobre 1998 ed agosto 2003.

I soggetti eleggibili per la chirurgia avevano: emicrania refrattaria ( fallimento di trattamenti farmacologici standard ) o emicrania trasformata refrattaria, punti di contatto evidenziati dalla tomografia computerizzata ( TAC ), significativi miglioramenti cefalgici dopo anestesia topica nell’area di contatto.

Le caratteristiche della cefalea sono state accertate in fase pre-operatoria ed al follow-up ( 6-62 mesi dopo l’intervento chirurgico ), servendosi di un questionario standardizzato.

Sono stati analizzati i casi di 21 soggetti ( 72.5% donne ).

La frequenza media di cefalea si è ridotta da 17.7 a 7.7 giorni al mese ( p = 0.003 ); la gravità media si è ridotta da 7.8 a 3.6 su una scala da 0 a 10 ( p = 0.0001 ), e la disabilità correlata alla cefalea è scesa da 5.6 a 1.8 ( su una scala a 10 punti ) ( p < 0.0001 ).

Un totale di 16 soggetti ( 76.2% ) hanno riscontrato un miglioramento dei punteggi della cefalea del 50% o più, 9 ( 42.9% ) sono risultati liberi da dolore almeno durante il periodo di follow-up.

Un totale di 18 casi ( 95.8% ) hanno mostrato una riduzione nei punteggi di cefalea di almeno il 25%, mentre 2 pazienti ( 9.5% ) hanno mostrato un incremento dei punteggi della cefalea inferiore al 25%.

Per i pazienti selezionati con cefalea refrattaria, la presenza di punti di contatto dimostrabili ed una risposta positiva all’anestesia topica sono indicatori dell’utilità dell’approccio chirurgico.( Xagena2005 )

Behin F et al, Cephalalgia 2005; 25: 439-443

Neuro2005


Indietro