Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Fremanezumab versus placebo per la prevenzione dell'emicrania nei pazienti con fallimento documentata fino a quattro classi di farmaci preventivi antiemicranici: studio FOCUS


Gli anticorpi diretti contro il peptide correlato al gene della calcitonina ( CGRP ) o il suo recettore hanno mostrato efficacia nella prevenzione degli attacchi di emicrania.
Sono state studiate l'efficacia e la tollerabilità di Fremanezumab ( Ajovy ), un anticorpo anti-CGRP completamente umanizzato, in pazienti con emicrania che in precedenza non avevano risposto a due o quattro classi di farmaci preventivi per l'emicrania.

Lo studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, di fase 3b FOCUS è stato condotto in 104 siti in Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti.

Sono stati arruolati partecipanti di età compresa tra 18 e 70 anni con emicrania episodica o cronica che negli ultimi 10 anni avevano documentato l'insuccesso di due o quattro classi di farmaci preventivi per l'emicrania.
Il fallimento è stato definito come nessun miglioramento clinicamente significativo dopo almeno 3 mesi di terapia a dose stabile, secondo il giudizio del medico curante; interruzione a causa di eventi avversi che hanno reso intollerabile il trattamento; o trattamento controindicato o inadatto per il trattamento preventivo dell'emicrania per il paziente.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a Fremanezumab trimestrale somministrato per via sottocutanea ( mese 1, 675 mg; mesi 2 e 3: placebo ), Fremanezumab mensile ( mese 1: 225 mg nell’emicrania episodica e 675 mg nell'emicrania cronica; mesi 2 e 3: 225 mg in entrambi i sottogruppi di emicrania ) oppure placebo mensile abbinato per 12 settimane.

L'esito primario era la variazione media rispetto al basale del numero medio mensile di giorni di emicrania durante il periodo di trattamento di 12 settimane.

Tra il 2017 e il 2018, 838 partecipanti con emicrania episodica ( 329, 39% ) o cronica ( 509, 61% ) sono stati assegnati in modo casuale al placebo ( n=279 ), Fremanezumab ogni tre mesi ( n=276 ) o Fremanezumab mensile ( n=283 ).

Le riduzioni dal basale nei giorni di emicrania media mensile su 12 settimane sono state maggiori rispetto al placebo ( variazione dei minimi quadrati LSM -0.6 ) con Fremanezumab ogni tre mesi ( variazione di LSM -3.7; differenza LSM rispetto al placebo -3.1; P minore di 0.0001 ) e con Fremanezumab mensile ( variazione LSM -4.1; differenza LSM vs placebo -3.5; P minore di 0.0001 ).

Gli eventi avversi sono stati simili per placebo e Fremanezumab. Sono stati segnalati eventi avversi gravi in ​​4 su 277 partecipanti ( 1% ) con placebo, 2 su 276 ( inferiore a 1% ) con Fremanezumab ogni tre mesi e 4 su 285 ( 1% ) con Fremanezumab mensile.

Fremanezumab si è dimostrato efficace e ben tollerato nei pazienti con emicrania difficile da trattare che in precedenza non avevano risposto a un massimo di quattro classi di farmaci preventivi per l'emicrania. ( Xagena2019 )

Ferrari MD et al, Lancet 2019; 394: 1030-1040

Neuro2019 Farma2019


Indietro