Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Efficacia, sicurezza e tollerabilità della compressa di Rimegepant a disintegrazione orale per il trattamento acuto dell'emicrania


Rimegepant, un antagonista del recettore del peptide correlato al gene della calcitonina ( CGRP ) a piccole molecole, ha mostrato efficacia nel trattamento acuto dell'emicrania usando una formulazione standard in compresse.
L'obiettivo di questo studio è stato quello di confrontare l'efficacia, la sicurezza e la tollerabilità di una nuova formulazione in compresse a disintegrazione orale di Rimegepant 75 mg con placebo nel trattamento acuto dell'emicrania.

In questo studio di fase 3 in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, multicentrico, gli adulti di età pari o superiore a 18 anni con storia di emicrania di almeno 1 anno sono stati reclutati in 69 Centri di studio negli Stati Uniti.
I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Rimegepant ( 75 mg in compresse a disintegrazione orale ) oppure placebo e hanno ricevuto istruzioni per il trattamento di un singolo attacco di emicrania con intensità del dolore moderata o grave.

La randomizzazione è stata stratificata in base all'uso di farmaci profilattici ( sì o no ).

Gli endpoint coprimari erano la libertà dal dolore e la libertà dal sintomo più fastidioso 2 ore dopo la dose.

Le analisi di efficacia hanno utilizzato la popolazione modificata per intention-to-treat, che includeva tutti i pazienti che erano stati assegnati in modo casuale, avevano avuto un attacco di emicrania con dolore di intensità moderata o grave, avevano assunto una dose di Rimegepant o placebo e avevano almeno una valutazione di efficacia dopo somministrazione della dose.
Le analisi di sicurezza hanno incluso tutti i partecipanti assegnati in modo casuale che hanno ricevuto almeno una dose di farmaco in studio.

Tra febbraio e agosto 2018, 1.811 partecipanti sono stati reclutati e valutati per l'ammissibilità. 1.466 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale ai gruppi Rimegepant ( n=732 ) o placebo ( n=734 ), di cui 1.375 hanno ricevuto un trattamento con Rimegepant ( n=682 ) o placebo ( n=693 ) e 1.351 sono stati valutati per l'efficacia ( Rimegepant n=669, placebo n=682 ).

A 2 ore post-dose, la compressa di Rimegepant a disintegrazione orale è stata superiore al placebo per la libertà dal dolore ( 21% vs 11%, P minore di 0.0001; differenza di rischio 10 ) e la libertà dal sintomo più fastidioso ( 35% vs 27%, P=0.0009; differenza di rischio 8 ).

Gli eventi avversi più comuni sono stati nausea ( Rimegepant n=11, 2%; placebo n=3, inferiore a 1% ) e infezione del tratto urinario ( Rimegepant n=10, 1%; placebo n=4, 1% ).
Un partecipante in ciascun gruppo di trattamento ha presentato una concentrazione di transaminasi superiore a 3 volte il limite superiore della norma; nessuno dei due casi era correlato ai farmaci di studio e non sono stati riportati aumenti della bilirubina superiori a 2 volte il limite superiore della norma.
I partecipanti trattati non hanno riportato eventi avversi gravi.

Nel trattamento acuto dell'emicrania, una singola dose da 75 mg di Rimegepant in una formulazione in compresse a disintegrazione orale è stata più efficace del placebo.
La tollerabilità è stata simile al placebo, senza problemi di sicurezza. ( Xagena2019 )

Croop R et al, Lancet 2019; 394: 737-745

Neuro2019 Farma2019


Indietro