Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Effetti di Eptinezumab per via endovenosa versus placebo sul dolore da cefalea e sui sintomi più fastidiosi quando è somministrato durante un attacco di emicrania


Eptinezumab ( Vyepti ) per via endovenosa, un anticorpo anti-peptide correlato al gene della calcitonina ( CGRP ), è approvato per la prevenzione dell'emicrania negli adulti. Ha un inizio di efficacia preventiva il giorno 1 dopo l'infusione.

Sono stati valutati l'efficacia e gli eventi avversi correlati a Eptinezumab iniziato durante un attacco di emicrania in uno studio di fase 3, multicentrico, a gruppi paralleli, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo condotto nel periodo 2019-2020, in 47 siti negli Stati Uniti e in Georgia.

I partecipanti ( di età compresa tra 18 e 75 anni ) con una storia di emicrania ed emicrania superiore a 1 anno per 4-15 giorni al mese nei 3 mesi precedenti lo screening sono stati trattati durante un attacco di emicrania da moderato a grave.

È stato somministrato per via endovenosa Eptinezumab 100 mg ( n=238 ), oppure placebo ( n=242 ), entro 1-6 ore dall'insorgenza di un'emicrania qualificante da moderata a grave.

Gli endpoint di efficacia co-primari erano il tempo all'assenza di dolore da cefalea e il tempo all'assenza del sintomo più fastidioso ( nausea, fotofobia o fonofobia ).
Gli endpoint secondari chiave erano la libertà dal dolore da cefalea e l'assenza dei sintomi più fastidiosi a 2 ore dall'inizio dell'infusione. Ulteriori endpoint secondari erano la libertà dal dolore da cefalea e l'assenza dei sintomi più fastidiosi a 4 ore e l'uso di farmaci di salvataggio entro 24 ore.

Dei 480 pazienti randomizzati e trattati ( età media 44 anni; 84% femmine ), 476 hanno completato lo studio.
I pazienti trattati con Eptinezumab versus placebo, rispettivamente, hanno raggiunto una statisticamente significativa più rapida libertà dal dolore da cefalea ( mediana, 4 ore vs 9 ore; hazard ratio, HR=1.54, P minore di 0.001 ) e l'assenza dei sintomi più fastidiosi ( mediana, 2 ore vs 3 ore; HR=1.75, P minore di 0.001 ).

A 2 ore dall'infusione, nei rispettivi gruppi Eptinezumab e placebo, la libertà dal dolore da cefalea è stata raggiunta dal 23.5% e dal 12.0% dei pazienti ( differenza tra i gruppi, 11.6%; odds ratio, OR=2.27; P minore di 0.001 ) e l’assenza dei sintomi più fastidiosi dal 55.5% e dal 35.8% dei pazienti ( differenza tra i gruppi, 19.6%; OR=2.25; P minore di 0.001 ).

I risultati sono rimasti statisticamente significativi 4 ore dopo l'infusione. Statisticamente un numero significativamente inferiore di pazienti trattati con Eptinezumab ha utilizzato farmaci di salvataggio entro 24 ore rispetto ai pazienti trattati con placebo ( rispettivamente 31.5% vs 59.9%; differenza tra i gruppi, -28.4%; OR=0.31; P minore di 0.001 ).

Eventi avversi emergenti dal trattamento si sono verificati nel 10.9% dei pazienti nel gruppo Eptinezumab e nel 10.3% del gruppo placebo; il più comune era l'ipersensibilità ( Eptinezumab, 2.1%; placebo, 0% ).
Non si sono verificati eventi avversi gravi emergenti dal trattamento.

Tra i pazienti idonei alla terapia preventiva dell'emicrania che hanno manifestato un attacco di emicrania da moderato a grave, il trattamento con Eptinezumab per via endovenosa rispetto al placebo ha ridotto il tempo alla risoluzione della cefalea e dei sintomi.
Resta da stabilire la fattibilità della somministrazione del trattamento con Eptinezumab durante un attacco di emicrania e il confronto con trattamenti alternativi. ( Xagena2021 )

Winner PK et al, JAMA 2021; 325: 2348-2356

Neuro2021 Farma2021


Indietro