Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Cefalea acuta non-traumatica: il Solfato di Magnesio per via endovenosa sembra associato ad alcuni benefici


L'impiego di Solfato di Magnesio per via endovenosa per il trattamento della cefalea acuta non-traumatica presenta potenziali benefici, nonostante i dubbi sull'efficacia di questo trattamento.

E' stata compiuta una revisione degli effetti del Solfato di Magnesio per via endovenosa rispetto al placebo e ai trattamenti alternativi in questa patologia.

E' stata confrontata l'efficacia del Solfato di Magnesio per via endovenosa come analgesico nella cefalea acuta con il placebo, i corticosteroidi, gli antagonisti della dopamina, gli alcaloidi dell'ergot, i farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ), i triptani o le cure standard.

Sono stati analizzati in modo sistematico gli studi clinici prospettici e randomizzati per determinare se questi trattamenti fossero in grado di abbassare il tasso di recidiva cefalgica dopo 24 ore.
Per essere inclusi nella revisione, i pazienti dovevano avere almeno 18 anni d'età ed essere stati curati in un Pronto soccorso o in un Centro ambulatoriale; il Solfato di Magnesio doveva essere somministrato per via endovenosa.

Dei 4018 potenziali riferimenti, 7 hanno soddisfatto i criteri di inclusione. I 7 studi ( per un totale di 545 partecipanti ) sono stati valutati per potenziali fonti di bias ( errore ) e uno studio ha mostrato potenziali bias a causa delle piccole dimensioni del campione.
I livelli di dolore sono stati valutati al basale e 15, 30, 60, 90 o 120 minuti dopo il trattamento.

Il Solfato di Magnesio ha mostrato un miglioramento del dolore 1 ora dopo la somministrazione.

L'intensità del dolore è stata misurata a 30 minuti in 5 studi e tutti non hanno riportato alcuna differenza nel dolore tra Solfato di Magnesio e placebo.

A 60 minuti, il Solfato di Magnesio è risultato superiore a un alcaloide dell'ergot, un corticosteroide sistemico più un antagonista della dopamina e un placebo.

Un altro studio ha mostrato una riduzione del dolore superiore con il Solfato di Magnesio dopo 90 minuti rispetto a un alcaloide dell'ergot.

In un'ulteriore studio è emerso un miglioramento della riduzione del dolore con Solfato di Magnesio dopo 120 minuti rispetto a un corticosteroide sistemico più un antagonista della dopamina.

Uno studio ha riportato un miglioramento del sollievo dal dolore del 50% con il Solfato di Magnesio rispetto al placebo, e in un altro studio il sollievo completo dal dolore è risultato migliorato con il Solfato di Magnesio rispetto a un antagonista della dopamina.

Nessuna differenza nella necessità di analgesia di salvataggio è stata rilevata dopo 30 minuti rispetto al placebo e la necessità di analgesia di salvataggio in ogni momento è risultata migliorata per l'emicrania nel sottogruppo con aura in uno studio.

Il principale limite della revisione era la natura eterogenea degli studi inclusi, che ha precluso l'effettuazione di una meta-analisi formale.
Il consenso riguardo al dosaggio di Solfato di Magnesio impiegato era assente.
Inoltre possibili differenze genetiche nel metabolismo dei farmaci potrebbero spiegare alcune delle variazioni osservate nelle risposte di questo studio.

Sebbene non sia possibile trarre una conclusione definitiva sull'efficacia o sul beneficio del Solfato di Magnesio per via endovenosa nel trattamento della cefalea acuta non-traumatica, le prove esistenti indicano potenziali benefici nell'intensità del controllo del dolore oltre 1 ora, durata dell'aura e necessità di analgesia di salvataggio. ( Xagena2019 )

Fonte: Headache, 2019

Neuro2019 Farma2019


Indietro