Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Trattamento della cefalea a grappolo cronica intrattabile con stimolazione del nervo occipitale


La cefalea a grappolo è una cefalea primaria, caratterizzata da attacchi ripetuti, lancinanti, gravi, che in genere si presentano diverse volte al giorno.
La maggior parte dei pazienti con cefalea a grappolo cronico presenta una malattia non-remittente, richiedente terapia preventiva giornaliera per anni.

Un gruppo di ricerca internazionale ha descritto l’esito clinico della stimolazione del nervo occipitale in 14 pazienti con cefalea a grappolo cronica, intrattabile.

Elettrodi bilaterali sono stati impiantati nella regione suboccipitale, ed è stato valutato in maodo retrospettivo l’esito clinico ottenuto.

A un follow-up mediano di 17,5 mesi ( range da 4 a 35 mesi ), 10 dei 14 pazienti hanno riportato miglioramenti e 9 di essi raccomandano ONS.
Tre pazienti hanno notato un sensibile miglioramento del 90% o superiore ( 90%, 90% e 95% ), 3 un miglioramento moderato uguale o superiore al 40% ( 40%, 50% e 60% ), e 4 un miglioramento lieve del 20-30% ( 20%, 20%, 25% e 30% ).

I miglioramenti si sono verificati entro giorni o settimane per quelli che hanno risposto meglio e i pazienti hanno affermato che gli attacchi si sono ripresentati nel giro di poche ore o giorni quando il dispositivo di stimolazione era spento.

Un paziente ha riferito che la stimolazione del nervo occipitale ha aiutato a bloccare gli attacchi acuti.

Gli eventi avversi preoccupanti sono stati: migrazione degli elettrodi e l’esaurimento delle batterie.

In conclusione, la cefalea a grappolo cronica intrattabile è una condizione devastante e invalidante, che è stata tradizionalmente trattata con procedure craniali invasive o distruttive a livello neurologico.
La stimolazione del nervo occipitale offre un’opzione sicura ed efficace per alcuni pazienti con cefalea a grappolo cronica. ( Xagena2009 )

Burns B et al, Neurology 2009; 72: 341-345


Neuro2009



Indietro