Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Emicrania parossistica e cefalea a grappolo: parenti vicini o lontani ?


L’emicrania parossistica è caratterizzata da un dolore unilaterale, generalmente vicino all’occhio o in sede temporale di breve durata ( 2-45 minuti ) con elevata frequenza di attacchi (superiore ai 5 al giorno) con associati segni vegetativi importanti (secrezione nasale, arrossamento congiuntivale e lacrimazione) sempre dallo stesso lato del dolore. Per fare diagnosi occorre che il dolore sia responsivo all’Indometacina. Si tratta di una patologia rara, ma spesso viene confusa con una sinusite.
Da una valutazione di una casistica inglese su 11 pazienti è emerso che vi possono essere delle sovrapposizioni fra l’emicrania parossistica e la cefalea a grappolo.
Quattro pazienti avevano le caratteristiche dell’emicrania parossistica e rispondevano all’Indometacina. Quattro avevano tutti i criteri tranne la frequenza e la durata degli attacchi (avevano solo un attacco al giorno e questo durava più di due ore) . Un altro paziente aveva tutti i sintomi dell’emicrania parossistica ma non rispondeva all’Indometacina mentre erano efficaci il Pizotifene ed i triptani. Questi ultimi farmaci sono infatti efficaci nella cefalea a grappolo. Due pazienti hanno dovuto sospendere l’assunzione di Indometacina , perchè provocava gravi effetti collaterali gastrointestinali.
Gli Autori inglesi hanno concluso che vi sono molte evidenze in favore di un meccanismo scatenante comune per l’emicrania parossistica e la cefalea a grappolo e che le due forme non hanno una differenza così netta in termini di risposta all’Indometacina e periodicità delle crisi ( Xagena2002 ) Fonte : Clin Otolaryngol 2002 ;27: 472-479

Fabio Antonaci, Dip. di Scienze Neurologiche , Istituto Mondino Pavia


Indietro