Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Efficacia dei triptani nella emicrania mestruale


L’emicrania mestruale interessa circa il 50-60% delle donne che soffrono di emicrania, ma le conoscenze circa il ruolo degli ormoni, in particolare gli estrogeni, è ancora da definire in modo completo.

Ricercatori della Vanderbilt University School of Medicine di Nashville ( USA ) hanno compiuto una revisione sistematica, finalizzata a stabilire il ruolo degli ormoni nell’emicrania mestruale.
Dalla letteratura, sono stati selezionati 643 articoli.

L’influenza dell’estrogeno nell’emicrania risulta evidente dal fatto che le donne presentano un’incidenza di emicrania 3 volte maggiore rispetto agli uomini, e dai significativi cambiamenti nell’incidenza dell’emicrania in funzione dello stato riproduttivo femminile.

L’emicrania mestruale è generalmente più resistente al trattamento, di norma non è associata ad aura, è di lunga durata ed, in genere, comporta una disabilità funzionale maggiore rispetto agli attacchi che si manifestano in altri periodi del mese.

L’evidenza biochimica e genetica indica un ruolo centrale e periferico dell’estrogeno nella patofisiologia dell’emicrania mestruale, con potenziali interazioni con i circuiti eccitatori, compresi i componenti serotonergici.

Sebbene non ci siano evidenze riguardo all’impiego di estrogeno come trattamento preventivo dell’emicrania mestruale, gli agonisti del recettore della serotonina ( triptani ) producono un sollievo intenso e possono avere anche un ruolo preventivo.

In conclusione: l’evidenza epidemiologica, patofisiologica e clinica correla l’estrogeno all’emicrania.
I triptani sembrano alleviare notevolmente il dolore e possono essere impiegati anche a scopo preventivo. ( Xagena2006 )

Brandes JL, JAMA 2006; 295: 1824-1830


Neuro2006 Gyne2006 Farma2006 Emicra2006


Indietro