Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Effetto del trattamento preventivo con beta-bloccanti, gestione comportamentale dell’emicrania o loro combinazione sugli esiti del trattamento acuto ottimizzato nella emicrania frequente


È stato condotto uno studio randomizzato e controllato con placebo della durata di 16 mesi per determinare se l’aggiunta di un trattamento farmacologico preventivo ( beta-bloccante ), la gestione comportamentale dell’emicrania o la loro combinazione fossero in grado di migliorare l’esito di trattamento ottimizzato acuto nella gestione del mal di testa frequente.

Sono stati coinvolti nello studio 232 adulti ( età media 38 anni; 79% femmine ) con diagnosi di emicrania con o senza aura secondo i criteri di classificazione dell’ International Headache Society ( IHS ), che avevano riferito almeno 3 episodi di emicrania con disabilità in 30 giorni ( media 5.5 episodi per 30 giorni ), durante una fase di run-in del trattamento acuto ottimizzato.

I pazienti sono stati assegnati all’aggiunta di uno di quattro trattamenti preventivi alla terapia acuta ottimizzata: beta-bloccante ( n=53 ), placebo ( n=55 ), gestione comportamentale dell’emicrania più placebo ( n=55 ) o gestione comportamentale più beta-bloccante ( n=69 ).

L’esito principale era il cambiamento nel numero di episodi di emicrania per 30 giorni; quelli secondari includevano cambiamenti nel numero di episodi di emicrania per 30 giorni e cambiamento nei punteggi di qualità di vita correlati in modo specifico all’emicrania.

L’analisi ha mostrato differenze statisticamente significative ( P inferiore o uguale a 0.05 ) negli esiti tra i quattro trattamenti aggiuntivi sia per quanto riguarda l’esito primario ( episodi per 30 giorni ) sia nei due esiti secondari ( cambiamento nel numero di giorni di emicrania per 30 giorni e cambiamento nei punteggi di qualità di vita correlati in modo specifico all’emicrania ).

L’aggiunta di una combinazione di beta-bloccanti e gestione comportamentale ( -3.3 episodi di emicrania per 30 giorni ), ma non l’aggiunta del solo beta-bloccante ( -2.1 episodi per 30 giorni ) o la sola gestione comportamentale ( -2.2 episodi per 30 giorni ) ha migliorato gli esiti rispetto al solo trattamento acuto ottimizzato ( -2.1 episodi per 30 giorni ).

Per una riduzione clinicamente significativa ( maggiore o uguale a 50% ) negli episodi di emicrania per 30 giorni, il number needed to treat ( NNT ) per il trattamento acuto ottimizzato più combinazione di beta-bloccante e gestione comportamentale è stato pari a 3.1 rispetto al solo trattamento acuto ottimizzato, 2.6 rispetto al trattamento acuto ottimizzato più beta-bloccante e 3.1 rispetto al trattamento acuto ottimizzato più gestione comportamentale.

Sono emersi risultati consistenti per i due esiti secondari e per entrambi i tempi di controllo a 10 ( endpoint primario ) e a 16 mesi.

In conclusione, l’aggiunta di una combinazione di beta-bloccante più gestione comportamentale, ma non la sola aggiunta di beta-bloccante o di gestione comportamentale, hanno portato a miglioramenti negli esiti del trattamento acuto ottimizzato.
Il trattamento combinato con beta-bloccante e gestione comportamentale può quindi migliorare gli esiti nel trattamento dell’emicrania frequente. ( Xagena2010 )

Holroyd KA et al, BMJ 2010; 341: c4871



Neuro2010 Farma2010


Indietro