XXIII World Congress of Neurology
Amsterdam congress
Tumori testa-collo

Stimolazione cerebrale profonda dell’area tegmentale ventrale per la cefalea a grappolo cronica refrattaria


Sono stati presentati i risultati in una coorte di pazienti con cefalea a grappolo cronica medicalmente intrattabile trattati con stimolazione cerebrale profonda ( DBS ) dell’area tegmentale ventrale.

In uno studio prospettico non-controllato, in aperto, 21 pazienti ( 17 maschi, età media 52 anni ) con cefalea cronica a grappolo medicalmente refrattaria sono stati selezionati per stimolazione cerebrale profonda dell’area tegmentale ventrale ( VTA-DBS ) omolaterale; i pazienti avevano anche fallito o gli è stato negato l'accesso alla stimolazione del nervo occipitale all'interno del servizio sanitario nazionale del Regno Unito.

L'endpoint primario era il miglioramento della frequenza del mal di testa. Gli esiti secondari includevano altri punteggi di cefalea ( gravità, durata, burden di cefalea ), uso di farmaci, disabilità e punteggi affettivi, misure di qualità di vita ( QoL ) ed eventi avversi.

Il follow-up è stato di 18 mesi ( range 4-60 mesi ).

Al follow-up finale è stato rilevato un miglioramento del 60% della frequenza della cefalea ( P=0.007 ) e un miglioramento del 30% nella gravità della cefalea ( P=0.001 ).

Il burden di cefalea ( un punteggio composito che comprendeva la frequenza, la gravità e la durata degli attacchi ) è migliorato del 68% ( P=0.002 ).

L’assunzione mensile totale di triptani del gruppo è scesa del 57% dopo il trattamento.

Un miglioramento significativo è stato osservato in una serie di scale di QoL, disabilità e umore.

Gli effetti collaterali hanno incluso diplopia, risolta in 2 pazienti dopo aggiustamento della stimolazione, e rimasta in 1 paziente con una storia di paralisi del nervo trocleare ipsilaterale.
Non ci sono stati altri eventi avversi gravi.

In conclusione, lo studio sostiene che la stimolazione VTA-DBS può essere una terapia sicura ed efficace per i pazienti con cefalea a grappolo cronica, refrattaria, in cui sono falliti i trattamenti convenzionali.
Questo studio ha fornito una prova di classe IV che la stimolazione cerebrale profonda dell’area tegmentale ventrale diminuisce frequenza e gravità della cefalea e il burden di cefalea nei pazienti con cefalea a grappolo cronica medicalmente intrattabile. ( Xagena2016 )

Akram H et al, Neurology 2016; 86: 1676-1682

Neuro2016



Indietro